X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Inapplicabile il cumulo giuridico alle sanzioni per retribuzioni non tracciate

L’INL affronta la questione della applicabilità dell’istituto ex art. 8 della L. 689/81 al regime sanzionatorio ex art. 1 comma 913 della L. 205/2017

/ Mario PAGANO

Venerdì, 16 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Alla sanzione prevista per non aver retribuito i lavoratori mediante strumenti tracciati non è possibile applicare tanto l’istituto del cumulo giuridico quanto quello del c.d. reato continuato, applicabile per gli illeciti amministrativi in materia di previdenza e assistenza obbligatoria.
Questo quanto emerge dal parere n. 606 pubblicato ieri, con il quale l’Ispettorato nazionale del lavoro (INL), acquisito il parere dell’ufficio legislativo del Ministero del Lavoro, ha fornito chiarimenti che sono destinati a impattare in modo rilevante su una disposizione la cui struttura e condotta e i cui importi sovente determinano una notevole esposizione sanzionatoria per i datori di lavoro.

Secondo il comma 910 dell’art. 1 della L. 205/2017, a far data dal 1° luglio 2018 non è ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU