X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Fatture soggettivamente inesistenti anche senza vantaggio per l’emittente

Il profitto conseguito dalla società che le «utilizza» deve tenersi distinto da quello, solo eventuale, dell’ente emittente

/ Stefano COMELLINI

Venerdì, 30 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il reato di emissione di fatture soggettivamente inesistenti (art. 8 del DLgs. n. 74/2000) permette all’ente destinatario che le utilizza inserendole nella propria contabilità (art. 2) di conseguire un ingiusto profitto, ma non richiede necessariamente per la sua sussistenza un analogo vantaggio patrimoniale. Il principio è stato affermato dalla Cassazione con la sentenza n. 16353 depositata ieri.

La vicenda riguardava un complesso meccanismo criminoso, protrattosi per più anni con identico modus operandi, finalizzato all’acquisto e alla rivendita di ingenti quantitativi di carburante soggetto ad agevolazione per l’impiego in agricoltura, ma in realtà destinato ad usi gravati da maggiore imposta (in particolare, autotrazione), ottenendo, in tal modo, un ingiusto profitto conseguente

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU