X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 19 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Contratti a termine in essere al 23 marzo 2021 rinnovabili e prorogabili

L’INL conferma che possono essere rinnovati o prorogati anche per le imprese che hanno in corso trattamenti di integrazione salariale

/ Mario PAGANO

Giovedì, 13 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

I lavoratori con contratto a tempo determinato, che accedono ai trattamenti di integrazione salariale emergenziale, anche se assunti dopo il 25 marzo 2020, possono vedere prorogato o rinnovato il proprio contratto. Questo è quanto emerge dal parere n. 762/2021, fornito dall’Ispettorato nazionale del lavoro (INL) in riferimento alla portata applicativa dell’art. 19-bis del DL 18/2020 (decreto “Cura Italia”), che ha introdotto le prime misure emergenziali per far fronte alla pandemia da COVID-19.

Tale disposizione, in ottica di salvaguardia dei posti di lavoro e dell’occupazione, ha fornito un’interpretazione autentica in materia di ammortizzatori sociali in rapporto alla rinnovabilità dei contratti a termine in costanza di integrazione salariale.

Tale possibilità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU