X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Ritardo nell’insinuazione per mancato avviso non imputabile al creditore

Il termine di insinuazione ultratardiva va determinato in concreto

/ Antonio NICOTRA

Venerdì, 28 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In tema di ammissione al passivo fallimentare con domanda ultratardiva, secondo il consolidato orientamento giurisprudenziale, il mancato avviso al creditore da parte del curatore del fallimento (art. 92 del RD 267/42) integra una causa non imputabile del ritardo per il creditore, salva la facoltà per il curatore di provare, ai fini dell’inammissibilità dell’istanza, che questi abbia avuto notizia del fallimento, indipendentemente dalla ricezione dell’avviso (cfr. Cass. n. 7109/2020; Cass. n. 4787/2020; Cass. n. 30760/2019; Cass. n. 10121/2019).

Nell’ipotesi di domanda di ammissione al passivo ai sensi dell’ultimo comma dell’art. 101 del RD 267/42 (c.d. supertardiva o ultratardiva, cioè proposta oltre il termine, di legge o fissato dal tribunale, di cui al ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU