X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Dopo Jackson Hole più chiarezza sui tassi Usa

Alcune considerazioni corroborano l’ipotesi di un repricing molto graduale e concentrato temporalmente più avanti

/ Stefano PIGNATELLI

Martedì, 31 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il mese di agosto ha visto un rialzo di circa 5 centesimi sui tassi Usa con il decennale che passa da 1,25% a 1,30% ed una leggera increspatura sui tassi europei con il Bund 10 che da -0,45% si porta a -0,42%, il Btp da 0,63% a 0,65% e con l’Irs 10 sostanzialmente fermo a -0,06%. Lo spread Btp-Bund (107) stabile tra 105 e 110 bps (segui tassi e costo del funding su www.aritma.eu). 

Gli occhi sono stati puntati, e continueranno ad esserlo, sulla Fed e sul tapering mentre dalla Bce non sono previste modifiche di politica monetaria. Se confrontiamo i livelli attuali dei tassi con quelli di luglio osserviamo che quelli europei sono più bassi (medie luglio: rendimento Bund 10 -0,34%; rendimento Btp 10 0,71%; Irs 10 zero) mentre quelli Usa sono in linea con quelli odierni.

Questo evidenzia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU