X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

L’attenuante del pagamento del debito tributario si estende solo se anche il concorrente paga

/ REDAZIONE

Sabato, 25 settembre 2021

x
STAMPA

La Cassazione, nella sentenza n. 35225/2021, ha precisato che, in tema di reati tributari commessi da più persone in concorso fra loro, ove uno solo dei concorrenti abbia provveduto all’integrale pagamento degli importi dovuti all’Erario, la circostanza attenuante di cui all’art. 13-bis del DLgs. 74/2000, partecipando dei caratteri dell’attenuante comune di cui all’art. 62 n. 6 c.p., non si estende ai compartecipi, a meno che essi non manifestino una concreta e tempestiva volontà riparatoria, consistente nel contribuire, anche parzialmente, all’adempimento del debito tributario.

L’effetto premiale che discende dal disposto del ricordato art. 13-bis si configura come:
- una circostanza attenuante “speciale”, rispetto a quella comune di cui all’art. 62 n. 6 c.p.;
- “ad effetto speciale”, in quanto comporta la diminuzione della pena sino alla metà;
- “estrinseca”, poiché è integrata da un comportamento diverso e temporalmente successivo rispetto a quello caratterizzante il fatto costituente reato;
- soggetta al “bilanciamentoex art. 69 c.p. nel caso di concorso eterogeneo.

TORNA SU