X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IMPRESA

Senza delibera sui compensi è bancarotta fraudolenta

La Cassazione torna a seguire la tesi formalistica sulla qualificazione della condotta appropriativa degli amministratori giustificata dall’attività svolta

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 11 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini della corretta qualificazione penale (come bancarotta fraudolenta per distrazione o come bancarotta preferenziale) della condotta dell’amministratore che si appropri di somme della società poi fallita invocandone la natura di compensi, occorre considerare come dal rapporto di “immedesimazione organica” che lo lega alla società non discenda automaticamente il diritto al compenso per l’attività gestoria, che deve essere previsto e determinato dai soci (e, nel caso di società di capitali, dall’assemblea sociale). Di conseguenza, in presenza di prelievi privi ex ante di un valido titolo giuridico e rimasti privi di giustificazione causale, la condotta è da ricondurre nell’alveo della (più grave) fattispecie di bancarotta fraudolenta per distrazione.

A ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU