X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Esclusione dal VIES in presenza di elementi di criticità e rischio

/ REDAZIONE

Martedì, 19 ottobre 2021

x
STAMPA

Per la revoca dell’autorizzazione a effettuare operazioni intracomunitarie e, quindi, la cancellazione dal VIES (VAT information exchange system), non è richiesto che l’Amministrazione finanziaria fornisca la prova di un insoluto tributario nei confronti del soggetto passivo, ma occorre la presenza di “elementi rappresentativi di criticità e di rischio” relativi all’attività da quest’ultimo esercitata.

Lo ha affermato la Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 28560 di ieri, 18 ottobre 2021, esaminando il caso di una società che effettuava operazioni intracomunitarie con società polacche non iscritte al VIES e, per ciò solo, potenzialmente pregiudizievoli per l’Erario.

In tal senso, si è rilevato che la disciplina in materia e, segnatamente, il provvedimento Agenzia delle Entrate 29 dicembre 2010 n. 188376, al punto 2.2, prevede che l’esclusione dall’archivio dei soggetti autorizzati alle operazioni intracomunitarie sia “subordinata ad una ulteriore valutazione della posizione del contribuente, fondata su … altri elementi a disposizione dell’Amministrazione finanziaria rappresentativi di criticità e rischio”, da un lato, evidenziando (con le parole “criticità” e “rischio”) un pregiudizio anche soltanto potenziale e, dall’altro, ponendo tali elementi in alternativa (come si evince dal termine “altri”) all’intervenuto riscontro “di gravi inadempimenti relativi agli obblighi dichiarativi IVA”.

TORNA SU