X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

La reperibilità è orario di lavoro solo se impedisce la gestione del tempo libero

La Cassazione ha ravvisato una compatibilità tra il turno in reperibilità e il riposo, sia come recupero delle energie sia come sfruttamento del tempo

/ Viviana CHERCHI

Giovedì, 28 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con sentenza n. 30301 depositata ieri, affronta il tema della reperibilità in relazione all’orario di lavoro e al trattamento economico ad essa applicabile.

Si ricorda, anzitutto, come la reperibilità – particolarmente diffusa in ambito sanitario ma anche in settori come quello manifatturiero al fine di garantire la manutenzione o la sicurezza degli impianti – si configura come una prestazione strumentale ed accessoria qualitativamente diversa dalla prestazione di lavoro, consistendo nell’obbligo del lavoratore di porsi in condizione di essere prontamente rintracciato, fuori del proprio orario di lavoro, in vista di un’eventuale prestazione lavorativa.

La reperibilità si distingue in passiva, quando il lavoratore reperibile non viene chiamato a svolgere la prestazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU