Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il fallimento non interrompe il processo di Cassazione

/ Dario AUGELLO e Gabriella DE MATTIA

Mercoledì, 19 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel corso del processo tributario può capitare che il contribuente sia colpito da una sentenza di fallimento, con la conseguenza che la legittimazione processuale passa, di regola, al curatore ex art. 43 comma 1 della legge fallimentare.

Gli effetti processuali del fallimento sono diversi, però, a seconda che il giudizio penda davanti alle Commissioni tributarie oppure in Cassazione.
Per i gradi di merito, l’art. 40 del DLgs. 546/92 non prevede una specifica causa di interruzione del processo per il fallimento della parte.
Pertanto viene in rilievo l’art. 43 comma 3 del RD 267/42, che prevede l’interruzione automatica del processo per fallimento.

Vale la pena di ricordare che dal momento dell’interruzione non possono essere compiuti atti processuali, compreso il deposito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU