X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Operazioni a premio per clienti titolari di partita IVA con ritenuta al 25%

/ REDAZIONE

Venerdì, 14 gennaio 2022

x
STAMPA

La ritenuta a titolo di imposta del 25%, con facoltà di rivalsa, di cui all’art. 30 comma 2 del DPR 600/73, trova applicazione nell’ambito di un’operazione a premio organizzata per promuovere la fornitura di energia elettrica e gas naturale a clienti titolari di partita IVA (PMI o liberi professionisti, con esclusione dei soggetti con cui sono instaurati diversi rapporti contrattuali, quali consulenti, agenti, grossisti).

Secondo la risposta a interpello Agenzia delle Entrate n. 21, pubblicata ieri, infatti, i premi in natura ricevuti sinallagmaticamente per effetto della stipulazione e dell’attivazione del contratto di fornitura con la società promotrice dell’iniziativa sono riconducibili a una delle categorie reddituali previste dall’art. 6 del TUIR; più in particolare, rientrerebbero nelle categorie del reddito d’impresa o di lavoro autonomo poiché i destinatari dell’operazione utilizzano l’energia somministrata nell’ambito della loro attività professionale, deducendone il relativo costo.

Essendo prevista la rivalsa facoltativa, la ritenuta non è deducibile ai fini IRES e IRAP nell’ipotesi in cui la società promotrice non intenda esercitarla (art. 99 comma 1 del TUIR).

TORNA SU