ACCEDI
Sabato, 13 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Separazione delle attività IVA anche da parte del consorzio

Possibile separare il flusso delle operazioni attive nei confronti dei consorziati in regime di imponibilità da quelle in regime di esenzione

/ REDAZIONE

Martedì, 18 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta a interpello n. 29/2022, l’Agenzia delle Entrate si è espressa in merito alla possibilità di optare per la separazione delle attività ai fini IVA da parte di un consorzio che agisce nel settore sanitario nei confronti di imprese consorziate che, in alcuni casi, hanno un pro rata di detrazione inferiore al 10%.

Laddove vi siano tali limiti alla detrazione, il consorzio ribalta il costo dei servizi applicando il regime di esenzione IVA ai sensi dell’art. 10 comma 2 del DPR 633/72. Diversamente, nei confronti delle consorziate il cui pro rata è superiore al 10%, il consorzio applica il regime di imponibilità IVA.

A fronte del duplice regime IVA adottato, il consorzio presenta istanza di interpello per avere conferma della possibilità di separare le attività, limitando

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU