Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 27 novembre 2022

CONTABILITÀ

La revoca dei marchi rivalutati nel bilancio 2020 non è un cambiamento di criterio

Il «disconoscimento» della rivalutazione non può essere riconducibile nemmeno a una correzione di errore

/ Fabrizio BAVA, Alain DEVALLE e Fabio RIZZATO

Martedì, 29 marzo 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 1 commi 622-624 della L. 234/2021 (legge di bilancio 2022) ha modificato la deducibilità fiscale dei marchi rivalutati nel bilancio 2020 in ottemperanza all’art. 110 del DL 104/2020 convertito, allungando la deducibilità fiscale delle quote di ammortamento a un periodo non superiore, per ciascun periodo di imposta, a un cinquantesimo del maggior valore imputato a seguito della rivalutazione.
A fronte di tale modifica, il contribuente ha la possibilità di “accettare” l’allungamento del beneficio fiscale, “disconoscere” la rilevanza fiscale della rivalutazione con conseguente rimborso dell’imposta sostitutiva già versata (ovvero utilizzo in compensazione) oppure mantenere invariata la deducibilità fiscale in una quota non superiore a un diciottesimo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU