Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Comparabilità necessaria nella ricostruzione dei prezzi di trasferimento

/ REDAZIONE

Mercoledì, 18 maggio 2022

x
STAMPA

In materia di prezzi di trasferimento ex art. 110 comma 7 del TUIR, affinché l’applicazione del metodo del margine netto della transazione (c.d. “TNMM”) sia affidabile, occorre condurre un’analisi di comparabilità che passa attraverso due momenti:
- la scelta della parte testata;
- l’identificazione delle società comparabili, operando un “confronto” tra queste e la parte testata affinché siano soddisfatti i cinque fattori di comparabilità elaborati nelle Linee Guida OCSE e recepite dal DM 14 maggio 2018 (caratteristiche dei beni e dei servizi; analisi funzionale; termini contrattuali sottostanti la transazione infragruppo; strategie di business e condizioni economiche).

Si è pronunciata in tal senso la Corte di Cassazione, nella giornata di ieri, con la sentenza n. 15668, depositata ieri, rinviando al giudice di seconde cure per non aver verificato i rilievi evidenziati dal contribuente, ed accettando la ricostruzione dell’Amministrazione finanziaria, secondo la quale il metodo scelto era l’unico utilizzabile, a causa della mancata collaborazione del contribuente nel fornire i prezzi di compravendita applicati.

Il contribuente aveva invece ritenuto che le società utilizzate come comparables dall’Amministrazione finanziaria non possedevano i requisiti relativi all’attività d’impresa svolta né quelli di indipendenza (uno dei soggetti era controllato al 65% da un’altra società). Alcune di esse avevano un codice attività diverso dalla società accertata e l’unica con caratteristiche economico-imprenditoriali simili aveva ritratto un margine negativo.

TORNA SU