Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Anche il resistente può essere debitore per il pagamento del contributo unificato

Per la Suprema Corte la giurisdizione è delle Commissioni tributarie

/ Francesco MATTARELLI

Giovedì, 30 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza dell’8 giugno 2022 n. 18552, la Cassazione si è pronunciata in materia di contributo unificato tributario (CUT) toccando, innanzitutto, il tema della giurisdizione, su cui ha fatto recentemente discutere la sentenza della C.T. Reg. Lombardia del 16 dicembre 2021 n. 4455/5/21, che aveva dichiarato il proprio difetto di giurisdizione in materia – peraltro senza indicare il giudice competente (art. 59 comma 1 della L. 69/2009) – “in ragione della identità tra questo organo giudicante ed una delle parti del processo”.
Anche la Suprema Corte affronta la denuncia di possibile difetto di “imparzialità” dei giudici, ritenendo manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 2 del DLgs. 546/92. in quanto non vi sarebbe “alcuna

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU