Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Per la responsabilità del «prestanome» resta da accertare la non completa estraneità

/ REDAZIONE

Sabato, 25 giugno 2022

x
STAMPA

La Cassazione, nella sentenza n. 24398 depositata ieri, ha ricordato che nei reati tributari (nella specie si trattava dell’omessa dichiarazione di cui all’art. 5 del DLgs. 74/2000), l’amministratore di diritto mero “prestanome” accettando la carica accetta anche i rischi connessi a essa, potendo risponderne, dal punto di vista dell’elemento soggettivo, anche a titolo di dolo eventuale (cfr. Cass. n. 42897/2018).

Peraltro, dal momento che, comunque, non risponde dei delitti in materia di dichiarazioni se privo di qualunque potere o possibilità di ingerenza nella gestione della società (cfr. Cass. n. 47110/2013), resta pur sempre necessario che l’accertamento giudiziario vada oltre il mero dato formale, per verificare se la posizione sia connotata o meno da completa estraneità e impossibilità di incidere rispetto alla gestione societaria.

TORNA SU