ACCEDI
Sabato, 13 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Regime probatorio attenuato a carico del lavoratore in caso di discriminazione

È solo presuntivo l’onere in capo al lavoratore che lamenti una discriminazione fondata sul sesso

/ Giulia CAPRA QUARELLI

Martedì, 14 febbraio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

In materia di regime probatorio relativo ai comportamenti datoriali subiti dalle lavoratrici e dai lavoratori in ragione dello stato di gravidanza, di genitorialità e/o dei congedi parentali, ritenuti discriminatori ex art. 25 del DLgs. 198/2006 (c.d. Codice delle pari opportunità tra uomo e donna), si sono registrati, negli ultimi anni, molteplici interventi da parte della giurisprudenza.

Occorre, innanzitutto, ricordare il procedimento speciale di cui all’art. 38 del DLgs. 198/2006, a fronte del quale, in caso di discriminazioni in violazione dei divieti di cui al Codice delle pari opportunità o, comunque, di discriminazioni nell’accesso al lavoro, nella promozione e nella formazione professionale, nelle condizioni di lavoro, il lavoratore può proporre ricorso avanti al giudice

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU