ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Pagamento del debito IVA dopo il reato da valutare per la nuova particolare tenuità

Le condotte «post delictum» possono essere valorizzate nel complessivo giudizio sulla misura dell’offesa

/ Maria Francesca ARTUSI

Giovedì, 29 giugno 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il pagamento del debito tributario può assumere valore anche ai fini della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto così come innovata dalla c.d. “riforma Cartabia”. Il DLgs. 150/2022, oltre a modificare il limite di pena previsto dall’art. 131-bis c.p., ha stabilito, infatti, che venga presa in considerazione anche la condotta susseguente al reato (per approfondimenti si rimanda a “Novità sulla particolare tenuità del fatto” in Schede di Aggiornamento n. 1/2023).

Tra le prime sentenze a occuparsi di questa novità c’è la n. 28031 depositata ieri dalla Cassazione in materia di omesso versamento dell’IVA (art. 10-ter del DLgs. 74/2000). Già la Cassazione n. 18029/2023 aveva preso atto della citata modifica precisando, tuttavia, che la ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU