ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Lo stress termico rientra nell’ambito della valutazione dei rischi

Il personale ispettivo può bloccare l’attività soggetta a rischio per la salute dei lavoratori, richiedendo misure di prevenzione e protezione

/ Mario PAGANO

Martedì, 18 luglio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’esposizione eccessiva allo stress termico comporta l’aumento del rischio infortunistico atteso che la prestazione lavorativa si espone a particolari situazioni di vulnerabilità. Questo è tra i passaggi di maggior rilievo, contenuti nella nota n. 5056/2023, con la quale l’Ispettorato nazionale del lavoro (INL), in occasione dei mesi estivi e dei considerevoli aumenti delle temperature, richiama l’attenzione del personale ispettivo sul fenomeno climatico e sulla tutela dei lavoratori dai rischi legati ai danni da calore.

L’obiettivo non è soltanto quello di intervenire in veste prettamente repressiva (dunque, in fase di vigilanza ispettiva), ma altresì di poter operare in occasione dell’attività di informazione e prevenzione, da rivolgere ai datori di lavoro

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU