ACCEDI
Sabato, 13 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Retribuzioni convenzionali per il distaccato all’estero in trasferta in altri Stati

La trasferta in altri Paesi esteri, compresa l’Italia, del distaccato presso una società estera non fa venir meno l’esclusività e la continuità del rapporto

/ Daniele SILVESTRO

Mercoledì, 13 settembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il regime di tassazione agevolato previsto dall’art. 51 comma 8-bis del TUIR può trovare applicazione anche nel caso in cui il lavoratore fiscalmente residente in Italia, distaccato in un Paese estero, effettua delle trasferte occasionali, per esigenze aziendali e nell’esclusivo interesse dell’azienda distaccataria, in uno o più Paesi esteri diversi (compresa l’Italia), fermo restando tutti i requisiti previsti dalla normativa.

È quanto affermato dall’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 428 pubblicata ieri, allineandosi con l’interpello DRE Emilia Romagna 909-4/2019, in cui era stato chiarito che il regime fiscale di cui al comma 8-bis trova applicazione anche nell’ipotesi in cui la prestazione lavorativa venga svolta in più Stati esteri ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU