ACCEDI
Lunedì, 4 marzo 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Disposizione eseguibile dal legittimario anche se lede la quota riservata

L’istituto della cautela sociniana prevede un’eccezione al principio di intangibilità della legittima

/ Carmela NOVELLA e Cecilia PASQUALE

Venerdì, 8 dicembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un principio cardine in materia successoria è quello della intangibilità della legittima, enunciato all’art. 457 comma 3 c.c., a mente del quale “le disposizioni testamentarie non possono pregiudicare i diritti che la legge riserva ai legittimari”. A tutela di questo principio, l’ordinamento prevede la possibilità, per i legittimari, di agire in riduzione, vale a dire di far dichiarare l’inefficacia delle disposizioni testamentarie e delle donazioni fatte in vita dal de cuius eccedenti la quota di cui il testatore poteva disporre.
Esistono, peraltro, alcune eccezioni a questa regola, tra cui l’ipotesi di lascito eccedente la porzione disponibile, di cui all’art. 550 c.c. (c.d. “cautela sociniana”) e il legato in sostituzione di legittima ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU