X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 21 luglio 2019

FISCO

Persiste l’esclusione arbitraria delle società semplici dalla cedolare secca

L’inclusione delle società semplici che non svolgono attività commerciale come le società agricole e le immobiliari sarebbe giustificata dalla norma

/ Tiziana DI GANGI e Giorgio INFRANCA

Giovedì, 16 maggio 2019

La legge di bilancio 2019 (art. 1 comma 59 della L. n. 145/2018) ha esteso l’applicabilità della cedolare secca, a partire dall’anno d’imposta 2019, anche alle unità immobiliari di categoria C/1 (negozi e botteghe), di superficie fino a 600 mq, e alle relative pertinenze locate congiuntamente (C/2, C/6 e C/7).

La suddetta estensione è sicuramente da accogliere con favore ma, con riguardo a tale regime, sussistono ancora importanti questioni che andrebbero chiarite definitivamente dal legislatore viste le prese di posizione del tutto ingiustificate da parte dell’Amministrazione finanziaria.
Una di queste è senz’altro la possibilità per le società semplici in generale e, in particolare, per quelle esercenti attività di gestione immobiliare di applicare la cedolare

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU