X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 5 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Illegittima la nuova pretesa IVA all’importazione sulle royalties

L’IVA interna e l’IVA all’importazione sono il medesimo tributo e il reverse charge integra una modalità di effettivo assolvimento dell’imposta

/ Lorenzo UGOLINI

Sabato, 18 maggio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con la sentenza n. 13384 depositata ieri, da un lato ha individuato ulteriori indicatori del controllo in presenza dei quali i diritti di licenza devono essere tassati in dogana, dall’altro, ha ribadito che l’IVA sulle royalties assolta dall’importatore/licenziatario mediante inversione contabile non può essere nuovamente pretesa dall’Amministrazione doganale.

Nel caso di specie, una società aveva importato merce senza dichiarare, all’atto dello sdoganamento, i diritti di licenza, asserendo che questi non costituivano una condizione di vendita e, pertanto, non dovevano essere inclusi nel valore doganale dei beni.
I giudici di secondo grado, in accoglimento dell’appello dell’Ufficio, avevano confermato la pretesa impositiva, sia in relazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU