X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’istanza di revisione dell’accertamento doganale di parte deve dipendere da un errore

L’errore può essere indirettamente collegato all’elemento dell’accertamento oggetto di revisione

/ Pier Paolo GHETTI e Sabrina FERRAZZI

Lunedì, 22 luglio 2019

Una volta presentata all’ufficio preposto, la dichiarazione doganale è “accettata” da parte dell’autorità doganale quale esito del procedimento cui ci si riferisce con il termine “accertamento doganale”. Conclusa la fase di accertamento, in dipendenza degli esiti dei controlli se del caso svolti, la dogana accetta ovvero rettifica i dati ivi dichiarati e, quindi, processa la dichiarazione doganale (ora iscritta nei pubblici registri e riferibile come bolla doganale). Quindi, la merce può essere svincolata.

La normativa doganale riconosce all’operatore la facoltà di rettificare la dichiarazione doganale inizialmente presentata sia prima sia dopo lo svincolo delle merci. Tale facoltà è disciplinata:
- quanto alla normativa interna, dall’art. 11 del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU