X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 novembre 2019

FISCO

Sulla residenza fiscale, dietrofront dell’Agenzia

La risposta a interpello n. 270/2019 non considera le prevalenti disposizioni convenzionali

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Venerdì, 19 luglio 2019

Con risposta a interpello n. 270 di ieri, 18 luglio 2019, l’Agenzia delle Entrate torna sul tema dell’individuazione della residenza fiscale delle persone fisiche trasferite all’estero.
Nel caso di specie, si trattava di un soggetto residente in Italia dal 2006, avente cittadinanza italiana e inglese, che, in data 19 gennaio 2018, ha presentato richiesta di iscrizione all’AIRE al Consolato Generale d’Italia a Londra; lo stesso si è, infatti, trasferito nel Regno Unito per motivi di lavoro ed ha interrotto ogni rapporto di lavoro in Italia dall’ottobre 2017.

La soluzione interpretativa indicata era quella della residenza fiscale nel Regno Unito dal 2018, sulla base:
- della tempestiva e puntuale richiesta di iscrizione all’AIRE (sebbene la stessa si sia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU