X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 5 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Né sanzioni né interessi per il credito compensato da omessa dichiarazione

Per la Cassazione, se il credito esiste, la compensazione estingue il debito all’origine

/ Alfio CISSELLO e Massimo NEGRO

Giovedì, 10 ottobre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

È ormai consolidato il principio secondo cui il contribuente può sia compensare sia riportare a nuovo il credito d’imposta derivante da una dichiarazione omessa, essendo irrilevante, ai fini dell’esistenza del credito, detta omissione dichiarativa, così come l’omessa indicazione nella dichiarazione dell’anno successivo (per dimenticanza o per omissione dichiarativa) del credito derivante da una dichiarazione regolarmente presentata.

Ciò, però, a due condizioni.
In primo luogo, devono essere osservati gli eventuali termini di legge per l’utilizzo del credito; così, se si tratta di credito IVA, occorre il rispetto del termine di cui all’art. 19 del DPR 633/72 per il diritto di detrazione.
Poi, l’utilizzabilità del credito deve pur sempre essere eccepita ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU