X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 19 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Abusiva la fusione preceduta da cessione di quote rivalutate a una società veicolo

In tal caso, verrebbe aggirata l’operazione di recesso «tipico» che sconterebbe la ritenuta a titolo di imposta del 26% sui redditi di capitale

/ Salvatore SANNA

Giovedì, 6 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta a interpello n. 242, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate conferma il proprio orientamento in merito alla qualificazione abusiva ex art. 10-bis della L. 212/2000 di un’operazione:
- basata sulla costituzione di una newco che contrae un debito bancario per l’acquisizione delle partecipazioni nella società target;
- seguita dalla cessione alla stessa delle quote della società target previamente rivalutate dai soci ex art. 5 della L. 448/2001;
- che termina con una fusione inversa della newco nella società target che consente l’ingresso di un nuovo socio in quest’ultima.

Coerentemente con quanto chiarito nella precedente risposta n. 341/2019 e nel principio di diritto n. 20/2019, l’Agenzia delle Entrate ritiene che i soci conseguano un vantaggio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU