X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Lenti a contatto con IVA al 4% anche se colorate

/ REDAZIONE

Mercoledì, 21 ottobre 2020

x
STAMPA

Le lenti a contatto correttive fruiscono dell’aliquota IVA del 4%, in quanto rappresentano un ausilio destinato a sopperire menomazioni visive permanenti.
Ai fini dell’aliquota IVA agevolata è ininfluente il fatto che le lenti correttive siano “colorate” (per finalità estetica).
L’aliquota ridotta non può, invece, essere fatta valere per le cessioni di lenti a contatto “colorate” che abbiano meramente un uso estetico e siano prove di una correzione visiva.
Le suddette indicazioni interpretative sono state fornite dall’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 488/2020 di ieri.

Le lenti a contatto, al pari delle lenti oftalmiche graduate e degli occhiali da vista rientrano tra le “protesi e ausili inerenti a menomazioni di tipo funzionale permanenti” le cui cessioni beneficiano dell’aliquota del 4% ai sensi del n. 41-quater della Tabella A, parte II, allegata al DPR 633/72.

Tale aspetto è stato, peraltro, già oggetto di chiarimenti con la C.M. 18 luglio 1990 n. 50, ove si è specificato che anche le lenti a contatto, in quanto destinate a sopperire a menomazioni visive permanenti, “sono da considerare quali ausili e pertanto alle relative cessioni e importazioni torna applicabile l’IVA nella misura del 4 per cento”
Nello stesso documento di prassi è stato altresì precisato che le cessioni e le importazioni delle sole montature degli occhiali scontano l’aliquota ordinaria IVA “in quanto le medesime solo quando sono assemblate con le lenti graduate rappresentano un ausilio nei sensi suesposti”. Dunque, solo le cessioni dei prodotti finiti rappresentati dagli occhiali da vista, realizzati mediante l’assemblaggio della montatura e delle lenti oftalmiche graduate, per quanto esposto in precedenza, sono soggetti all’aliquota ridotta.

Con il documento di prassi di ieri, viene ulteriormente precisato che sono soggette ad aliquota IVA ordinaria le cessioni delle soluzioni per la pulizia delle lenti a contatto.

TORNA SU