X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Compensazione del credito da dichiarazione omessa con sanzioni

Lo stesso se la dichiarazione è presentata oltre i novanta giorni

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 12 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In base agli ultimi orientamenti giurisprudenziali, caratterizzati anche da interventi delle Sezioni Unite (Cass. SS.UU. 8 settembre 2016 n. 17757), sembrava pacifico che il credito d’imposta, sia questo IVA o imposte sui redditi, potesse essere riportato a nuovo e utilizzato se derivante da dichiarazione omessa, oppure se è stata omessa una delle dichiarazioni in cui è stato riportato, sempre che il contribuente ne dimostrasse l’esistenza contabile e fosse rispettato in tema di IVA il termine per la detrazione.

Si evita così che il contribuente debba pagare quanto intimato con la cartella di pagamento che disconosce il riporto del credito, dovendo, per quello stesso credito, presentare domanda di rimborso, rischiando peraltro la decadenza laddove, magari impropriamente, si ritenesse ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU