X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Amministratore giudiziario tenuto agli adempimenti fiscali in nome del de cuius

Nel caso di impresa individuale oggetto di confisca non definitiva, resta esonerato l’erede che accetta con beneficio d’inventario

/ Massimo NEGRO e Antonio NICOTRA

Giovedì, 22 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta a interpello n. 496 pubblicata ieri, ha chiarito che l’amministratore giudiziario di un’impresa individuale oggetto di confisca non definitiva, il cui titolare sia deceduto e in conseguenza di ciò, aperta la successione, l’erede abbia accettato con beneficio di inventario, è tenuto, per il periodo d’imposta relativo al decesso, ad assolvere gli obblighi dichiarativi, di versamento e di fatturazione in nome del de cuius.

Nel caso oggetto delle risposta, deceduto il titolare di un’impresa individuale oggetto di confisca – ma il cui giudizio è ancora pendente – il soggetto chiamato all’eredità accettava con beneficio di inventario.
L’amministratore giudiziario dell’impresa confiscata chiede, quindi, chiarimenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU