Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

FISCO

Disciplina CFC USA con limitazioni ed esclusioni

Si riscontrano le stesse finalità perseguite dal regime domestico con meccanismi a tratti differenti

/ Enrico TERRAGNI

Sabato, 13 agosto 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le regole di tassazione delle controlled foreign companies (c.d. CFC) si muovono nel perimetro delineato dall’Action 3 del progetto BEPS dell’OCSE, ispirandosi a logiche di contrasto dei fenomeni elusivi e di pianificazione fiscale aggressiva.

Il primo esempio di implementazione su base nazionale risale al 1962, quando gli USA introdussero nell’Internal Revenue Code la Subpart F contenente le regole su cui tutt’oggi si fonda la disciplina. Dal confronto tra il paradigma americano e l’impianto di derivazione europea/domestica emergono punti di distanza e di contatto.

L’art. 167 comma 4 del TUIR pone regole di accesso alla disciplina, sotto forma di “test” (cioè un effective tax rate estero inferiore alla metà di quello che avrebbe subito secondo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU