ACCEDI
Mercoledì, 26 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Responsabilità penale limitata del curatore negli obblighi ambientali

Il legale rappresentante della società è il legittimo destinatario delle ordinanze di smaltimento

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 2 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La responsabilità della curatela in ordine ai profili ambientali impegna su diversi fronti la giurisprudenza amministrativa, civilistica e penale con la necessità di operare una combinata lettura volta a contemperare e armonizzare le diverse esigenze. Di certo, dopo la sentenza n. 3 del 26 gennaio 2021 resa dal Consiglio di Stato in Adunanza Plenaria, il quadro pare essere decisamente più chiaro, ricavandosi il principio di diritto secondo il quale “ricade sulla curatela fallimentare l’onere di ripristino e di smaltimento dei rifiuti di cui all’art. 192 d.lgs. n. 152/2006 ed i relativi costi gravano sulla massa fallimentare”. Principio che, tuttavia, opera nelle sole ipotesi in cui il curatore abbia inventariato i beni e non li abbia successivamente “abbandonati”, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU