X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Data certa onerosa per il TFM degli amministratori

/ Luisa CORSO e Alessandro COTTO

Mercoledì, 9 marzo 2011

x
STAMPA

Le regole relative alla deducibilità dell’accantonamento per il trattamento di fine mandato degli amministratori risultano di controversa applicazione, in considerazione del fatto che la formulazione letterale impiegata dall’art. 105, comma 4 del TUIR non supporta un’interpretazione univoca.
Ancora di recente l’Assonime (approfondimento 2/2011) si è occupata della materia, ricordando la posizione espressa dall’Agenzia delle Entrate (ris. 211/2008) in merito alla rilevanza della data certa dell’atto che attribuisce il diritto al trattamento di fine mandato, ai fini della deducibilità per competenza del relativo accantonamento.

Si è già avuto modo di sottolineare come la ricostruzione dell’Agenzia non risulti convincente; per contro, è innegabile ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU