X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

FISCO

Nessuna sanzione per il rimborso IVA erogato ma non dovuto

La C.T. Reg. di Genova ha stabilito che non è possibile assimilare la fattispecie ad un tardivo versamento

/ Alessandro BORGOGLIO

Mercoledì, 17 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se il contribuente chiede e ottiene un rimborso IVA, l’Ufficio, sulla base di un successivo accertamento con cui viene determinata una maggiore IVA dovuta, non può contestare al contribuente l’omesso versamento d’imposta, applicando la relativa sanzione, atteso che ciò non è previsto dalla normativa e non è possibile considerare tale fattispecie, per analogia interpretativa, come un tardivo versamento. È quanto stabilito dalla C.T. Reg. di Genova, con la sentenza n. 73 del 10 agosto 2012.

Una società aveva presentato un’istanza di rimborso IVA al competente Ufficio, che, dopo la rituale istruttoria, lo aveva concesso. Successivamente all’erogazione del rimborso, però, l’Ufficio effettuava un controllo sostanziale sulla posizione della contribuente e accertava ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU