X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

I beni rubati nel deposito doganale scontano l’IVA

/ Lelio CACCIAPAGLIA e Francesco D'ALFONSO

Venerdì, 18 ottobre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con due recenti sentenze (8 novembre 2012, causa C-165/11, 11 luglio 2013, causa C-273/12) la Corte di Giustizia della UE ha espresso le proprie valutazioni su due situazioni aventi ad oggetto beni collocati in un deposito doganale, valutandone, per quanto concerne l’imposta sul valore aggiunto, la rilevanza ai fini del tributo nel territorio nazionale dove è posto il deposito.

Innanzitutto, viene presa in considerazione l’ipotesi in cui vengono ceduti beni posti in un deposito doganale e vincolati dapprima all’omonimo regime e successivamente a quello del perfezionamento attivo, per poi, una volta ceduti, essere sottoposti nuovamente al regime del deposito doganale ad opera del cessionario (Corte di giustizia UE 8 novembre 2012, causa C-165/11).

Secondo la Corte UE, in quest’ultimo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU