X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Giusta causa di revoca del cda solo per fatti incidenti sul rapporto fiduciario

Il principio, secondo la Suprema Corte, non può soffrire eccezioni anche nel caso di amministratori di spa a partecipazione pubblica

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 17 ottobre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il venir meno del rapporto fiduciario, implicito nella delibera di revoca dell’amministratore, rileva ai fini della configurabilità di una giusta causa di cessazione del rapporto solo quando i fatti che hanno determinato la perdita dell’affidamento siano oggettivamente valutabili come idonei a mettere in forse la correttezza e le attitudini gestionali dell’amministratore.
Ad affermarlo è la Corte di Cassazione nella sentenza 15 ottobre 2013 n. 23381.

Una spa, partecipata a maggioranza da un Comune, deliberava la revoca degli amministratori perché si erano opposti alla richiesta di alcuni consiglieri comunali di accedere agli atti sociali e perché avevano citato in giudizio il Comune stesso per ottenere il pagamento di taluni crediti contestati dall’ente locale. Uno degli ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU