ACCEDI
Domenica, 16 giugno 2024

FISCO

«Nuovi» minimi alla cassa per la seconda rata di acconto dell’imposta sostitutiva

In base ai redditi dichiarati in UNICO può essere dovuto anche l’acconto IRPEF

/ Luca FORNERO

Giovedì, 14 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Entro il prossimo 2 dicembre 2013, i soggetti che si avvalgono del regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità (c.d. “nuovi” contribuenti minimi) devono pagare la seconda o unica rata dell’acconto della relativa imposta sostitutiva. Infatti, ai sensi dell’art. 1 comma 105 della L. 244/2007, per il versamento dell’imposta sostitutiva dovuta dai suddetti contribuenti, si osservano le disposizioni in materia di versamento dell’IRPEF. Al riguardo, la Relazione governativa alla L. 244/2007 ha chiarito che si applicano, tra l’altro, “le disposizioni vigenti in materia di acconto dell’imposta, compensazione e rateazione”.
Inoltre, a seconda della tipologia di redditi conseguiti nel 2012 e dichiarati nel ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU