Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

«Nuovi» minimi alla cassa per la seconda rata di acconto dell’imposta sostitutiva

In base ai redditi dichiarati in UNICO può essere dovuto anche l’acconto IRPEF

/ Luca FORNERO

Giovedì, 14 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Entro il prossimo 2 dicembre 2013, i soggetti che si avvalgono del regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità (c.d. “nuovi” contribuenti minimi) devono pagare la seconda o unica rata dell’acconto della relativa imposta sostitutiva. Infatti, ai sensi dell’art. 1 comma 105 della L. 244/2007, per il versamento dell’imposta sostitutiva dovuta dai suddetti contribuenti, si osservano le disposizioni in materia di versamento dell’IRPEF. Al riguardo, la Relazione governativa alla L. 244/2007 ha chiarito che si applicano, tra l’altro, “le disposizioni vigenti in materia di acconto dell’imposta, compensazione e rateazione”.
Inoltre, a seconda della tipologia di redditi conseguiti nel 2012 e dichiarati nel ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU