X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Sequestro e confisca per equivalente sempre più «definiti»

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 26 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La maggior parte delle decisioni che la Suprema Corte adotta in materia di reati tributari attiene a profili connessi all’utilizzo dell’istituto del sequestro per equivalente di beni in funzione della successiva confisca, reso applicabile anche in tale contesto dall’art. 1 comma 143 della L. 244/2007. Di tanto in tanto, poi, i giudici di legittimità, indotti a ciò, chiaramente, anche dalle occorrenze del caso di specie, avvertono l’esigenza di tracciare un quadro riepilogativo, seppure parziale, che tenga conto dei punti fermi e dei nuovi approdi. È quanto accaduto, ad esempio, nella sentenza n. 46727 del 22 novembre 2013. Nello stesso giorno, peraltro, l’ordinanza n. 46726 ha affidato alle Sezioni Unite il compito di stabilire se sia possibile o meno aggredire ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU