Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Condanna per dichiarazione fraudolenta solo provando l’uso di fatture «false»

L’assenza di tale prova può anche «salvare» dalla condanna per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati tributari

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 30 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

A giudizio della Corte di Cassazione – sentenza n. 47471 depositata ieri – è da annullare la sentenza di condanna di merito per dichiarazione fraudolenta mediante fatture per operazioni inesistenti (art. 2 del DLgs. 74/2000) nella quale, al fine di dimostrare l’inserimento dei documenti falsi nelle dichiarazioni, ci si limiti ad evidenziare l’esistenza di crediti IVA consistenti, senza provare la correlazione di tali crediti con le fatture false indicate nelle dichiarazioni e senza spiegare se le dichiarazioni stesse siano state acquisite nel processo. Ciò può riflettersi anche sulla condanna per il reato di associazione per delinquere (art. 416 c.p.) finalizzata alla commissione di reati tributari.

Quanto al primo profilo, i giudici di legittimità ricordano come la fattispecie di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU