X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

La moglie «paga» il reato tributario del marito

Sequestrabile per equivalente il bene della moglie, conferito al fondo patrimoniale, senza specificazioni, prima dell’integrazione di reati tributari

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 9 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La costituzione di un fondo patrimoniale poco prima della commissione dei reati di omesso versamento di ritenute certificate e dell’IVA può integrare il delitto di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.
Nonostante il regime patrimoniale di separazione dei beni e l’estraneità al procedimento penale riguardante il marito, è sequestrabile il bene della moglie confluito nel fondo patrimoniale ove, all’atto della costituzione, non sia espressamente prevista la riserva di proprietà ex art. 168 comma 1 c.c. A precisarlo è la Corte di Cassazione nella sentenza 7 gennaio 2014 n. 129.

Il rappresentante legale di una srl, nel giugno 2009, costituiva un fondo patrimoniale facendovi confluire beni immobili sia propri che della moglie, a fronte di un matrimonio con regime patrimoniale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU