X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rivalutazione per il donante se viene cancellata la donazione

La risoluzione di un atto per mutuo consenso ritrasferisce al donante il requisito del possesso per rideterminare il costo fiscale delle partecipazioni

/ Salvatore SANNA

Lunedì, 24 febbraio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la ris. Agenzia delle Entrate n. 20 del 14 febbraio 2014, l’Amministrazione finanziaria è intervenuta sui profili fiscali che vengono prodotti da un atto risolutivo di una donazione. Si tratta di quegli atti finalizzati a cancellare una donazione precedentemente effettuata attraverso il consenso delle parti interessate.

In particolare, l’Amministrazione richiama quanto affermato dalla giurisprudenza di legittimità, osservando come il contratto di risoluzione per “mutuo consenso” concretizza un atto autonomo rispetto al precedente, dotato di una propria causa, che viene stipulato dalle parti con lo scopo di eliminare un precedente contratto, qualunque sia la causa di quest’ultimo. A seguito della conclusione dell’atto risolutivo, che ha efficacia retroattiva ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU