X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La trascrizione di accettazione tacita di eredità sconta solo l’imposta ipotecaria

Al contrario di quanto sostenuto dalla circ. 2 dell’Agenzia, tale formalità è soggetta all’imposta fissa di 50 euro ed è esente da bollo e tassa ipotecaria

/ Gaetano PETRELLI

Mercoledì, 26 febbraio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

A norma dell’art. 2648, comma 1 c.c., si deve trascrivere l’accettazione dell’eredità che importi acquisto dei diritti enunciati nei numeri 1, 2 e 4 dell’art. 2643 (ossia, acquisto della proprietà o di diritti reali di godimento). Ai sensi del successivo terzo comma, se il chiamato ha compiuto uno degli atti che importano accettazione tacita dell’eredità (ossia un atto che, a norma degli artt. 476 e 477 c.c., presupponga necessariamente la sua volontà di accettare, e che egli non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede), si può richiedere la trascrizione “sulla base” di quell’atto, qualora esso risulti da sentenza, da atto pubblico o da scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente.

La recente circolare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU