X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La Consulta alza la soglia penale dell’omesso versamento IVA

Fino all’IVA relativa al 2009, da versare entro il 27 dicembre 2010, la soglia di punibilità è elevata da 50.000 a 103.291,38 euro

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 9 aprile 2014

Fino all’IVA relativa al 2009, l’omesso versamento dell’imposta è punibile penalmente solo se di importo superiore a 103.291,38 euro (e non a 50.000 euro) per ciascun periodo d’imposta. È questa l’importante conseguenza della sentenza 8 aprile 2014 n. 80 della Corte Costituzionale.

Ai sensi dell’art. 10-ter del DLgs. 74/2000, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni chiunque non versi l’IVA dovuta in base alla dichiarazione annuale, entro il 27 dicembre dell’anno successivo al periodo di imposta di riferimento, ove l’importo non versato sia superiore alla soglia di 50.000 euro per ciascun periodo di imposta.

Il Tribunale di Bergamo, con ordinanza del 17 settembre 2013 n. 274, ha dubitato della legittimità costituzionale di tale norma, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU