X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Documenti non esibiti sempre utilizzabili nel «redditometro»

La Cassazione conferma la tesi favorevole al contribuente nello specifico caso dell’accertamento sintetico

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 27 maggio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

In queste settimane l’Agenzia delle Entrate sta inviando ai contribuenti selezionati i primi inviti a comparire relativamente agli accertamenti sintetici, fondati quindi sul c.d. “redditometro”.
Ora, a seguito del recepimento, ad opera della circ. 6/2014, dei rilievi mossi dal Garante della Privacy, la determinazione dell’imponibile avverrà valutando le spese sostenute nel corso del periodo d’imposta così come emergenti dalle banche dati fiscali, le “spese per elementi certi” (importi di derivazione statistica legati al possesso di beni come l’auto o l’immobile), la quota di incremento patrimoniale attribuibile nell’anno e la quota di risparmio accantonata.

Dal punto di vista normativo, vi è un doppio confronto con il contribuente, posto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU