X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Disconoscimento della «cedolare secca» con sanzioni doppie

/ Alfio CISSELLO e Anita MAURO

Venerdì, 6 giugno 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ad oggi, pochi sono stati gli interventi dei commentatori nonché della prassi ufficiale in merito ai risvolti sanzionatori della c.d. “cedolare secca”.

L’art. 3 del DLgs. 23/2011, sul punto, si limita a specificare che, in merito all’accertamento, alla riscossione e alle sanzioni operano le norme previste per le imposte sui redditi.
Quindi, a seconda della violazione che il contribuente pone in essere, potrebbero configurarsi gli estremi per l’omesso versamento (si pensi all’acconto per la “cedolare” pagato in ritardo) oppure l’infedele dichiarazione (il contribuente, ritenendo per errore di aver stipulato un contratto concordato, indica un’imposta più bassa di quella dovuta, a causa dell’inferiore aliquota prevista per tali contratti).

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU