X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cessioni intracomunitarie non imponibili anche con lavorazione all’estero

La vendita dei prodotti finiti è assoggettata ad IVA nello Stato della lavorazione se i beni non «rientrano» in Italia

/ Emanuele GRECO e Simonetta LA GRUTTA

Venerdì, 3 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Giustizia dell’Unione europea, con la sentenza 2 ottobre 2014, relativa alla causa C-446/13, ha affrontato il caso di una cessione, da parte di una società italiana a una francese, di beni sui quali il cedente ha fatto realizzare lavori di rifinitura, nello Stato del cessionario, prima dell’invio a destinazione.
Secondo i giudici, un’operazione così configurata rileva territorialmente, ai fini dell’IVA, nello Stato dell’acquirente (ove la lavorazione è stata eseguita).

Il caso esaminato dalla Corte, più precisamente, si componeva di tre “operazioni”:
- la cessione di componenti metallici da parte di una società italiana (venditrice) a una società francese (acquirente);
- il previo invio dei componenti dalla società italiana ad un’altra ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU