X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Contributi ai fondi sanitari a deducibilità «limitata»

La deducibilità dal reddito complessivo IRPEF può riguardare solo i fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale

/ Massimo NEGRO

Giovedì, 4 dicembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un lavoratore autonomo non può dedurre ai fini IRPEF i contributi versati ad un fondo sanitario, se non è integrativo del Servizio sanitario nazionale ai sensi dell’art. 9 del DLgs. n. 502/92 ed iscritto nell’apposita sezione dell’Anagrafe dei fondi sanitari. È questo l’importante chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 107 di ieri, che analizza i rapporti tra:
- la deducibilità dal reddito complessivo IRPEF dei contributi versati ai fondi sanitari integrativi, ai sensi della lett. e-ter) dell’art. 10, comma 1 del TUIR;
- la non concorrenza alla formazione del reddito di lavoro dipendente dei contributi di assistenza sanitaria versati dal datore di lavoro o dal lavoratore ad enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU