X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 21 ottobre 2018

Fisco

Non sempre dall’accertamento INPS discendono maggiori imposte

Non si verificherebbe, secondo la Regionale di Firenze, il presupposto impositivo

/ Dario AUGELLO

Giovedì, 14 giugno 2018

Di regola l’accertamento di maggiori redditi di lavoro dipendente in capo al percettore provoca, da parte dell’Agenzia delle Entrate, la trasmissione degli atti all’ente previdenziale pubblico, che provvede dopo attività istruttoria alla notifica dell’avviso di addebito.
L’avviso di addebito con cui l’ente previdenziale pretende maggiori contributi è impugnabile davanti al giudice ordinario in funzione di giudice del lavoro.

Tuttavia, poiché la norma previdenziale richiama il TUIR per la determinazione del reddito di lavoro e il calcolo dei contributi (art. 6 DPR 314/1997), si configura tra le questioni un rapporto di pregiudizialità-dipendenza.
Nel giudizio ordinario (anche nel rito del lavoro) la pregiudizialità esterna ha rilievo ex artt. 295 e 337, c.p.c. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU