ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non è «di comodo» la società che non riesce a vendere il capannone

Rilevano i diversi tentativi di vendita dell’immobile rimasto sfitto con il ribasso del prezzo

/ Alessandro BORGOGLIO

Sabato, 30 giugno 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sussistono le oggettive situazioni che rendono impossibile il conseguimento dei ricavi previsti dal c.d. test di operatività, stabilito dalla disciplina sulle società di comodo, qualora l’immobiliare dimostri che, stante la crisi del settore, sono stati invano esperiti più tentativi di vendita dell’immobile rimasto sfitto, a seguito della cessazione dell’attività dell’ultimo locatario, ribassando anche ripetutamente il prezzo di vendita e tentandone pure nuovamente la locazione, ma senza esito positivo per assenza di controparti. È quanto si desume dall’interessante sentenza n.  1679/2018 della C.T. Prov. di Milano.

Si ricorda, innanzitutto, che la disciplina delle società non operative si basa, ai sensi dell’art. 30 della legge 724/1994, sul c.d. “ ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU