ACCEDI
Mercoledì, 24 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Per la soglia delle omesse ritenute previdenziali contano le mensilità

Per determinare la non abitualità, il giudice può considerare il numero delle mensilità in cui si è verificata la condotta omissiva

/ Stefano COMELLINI

Venerdì, 6 luglio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La fattispecie di omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali operate sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti (art. 2 comma 1-bis del DL n. 463/1983) è giunta ancora all’esame della Cassazione, con la sentenza n. 30179 depositata ieri, sotto il profilo della ricorrenza della particolare tenuità del fatto quale causa di non punibilità ex art. 131-bis c.p.

La fattispecie, nella formulazione conseguente al DLgs. n. 8/2016, fissa la rilevanza penale dell’omesso versamento per un importo annuo superiore a 10.000 euro; in caso di importo inferiore, il datore di lavoro soggiace esclusivamente alla sanzione amministrativa. In ogni caso, il pagamento delle ritenute omesse, nel termine di tre mesi dalla contestazione o dalla notifica dell’avvenuto accertamento

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU